Vai al sito della cooperativa Europe Consulting
08/11/2007
Disabili, piano anticatastrofi

Oltre 70 enti da 16 Paesi si riuniranno oggi e domani al Parc Hotel Paradiso di Peschiera, per il convegno sul tema del salvataggio di persone disabili in caso di calamità, che avrà come momento finale, domani alle 13, la firma della «Carta di Verona», una dichiarazione di principi da far valere nelle leggi sulla disabilità in tutto il mondo.
Primi firmatari saranno molti dei partecipanti al convegno, l'Ulss 20 come promotore, la Protezione civile nazionale, ma anche le sette grandi associazioni europee della disabilità, Telethon, e alcuni parlamentari europei. «Altre adesioni arriveranno entro un mese, secondo accordi, e poi la Carta di Verona verrà diffusa ovunque, anche online, affinché vi aderiscano il maggior numero di Paesi, istituzioni, enti, associazioni e persone», spiega il dirigente dell'Ufficio rapporti internazionali dell'Ulss 20, Claudio De Togni, «e il suo valore dipenderà dal peso dei firmatari». «Lo scopo del convegno e della Carta», spiega Raffaele Grottola, dirigente dell'Area handicap dell'Ulss 20, «è di far valere i diritti delle persone disabili anche in situazioni difficili, partendo dalle grandi catastrofi fino ad eventi meno gravi ma che potrebbero mettere in pericolo la loro vita, come avvenne anni fa in una scuola di Legnago. A Verona lavoriamo da tempo con esercitazioni e simulazioni al centro diurno di Borgo Venezia». «Inoltre», aggiunge ancora, «stiamo realizzando una banca dati dei circa tremila disabili seguiti dalle nostre strutture, così che in caso di emergenza i soccorritori arrivino preparati». Coinvolti in questo progetto sono l'Unione europea, che ha finanziato mediante la Protezione civile i progetti di studio su disabilità e catastrofi che hanno portato a questo convegno conclusivo, il Comune, i vigili del fuoco, il 118, la Consulta handicap. Verona è all'avanguardia sul fronte del soccorso ai disabili e agli anziani, come spiega il funzionario dei Vigili del fuoco Rodolfo Ridolfi: «Da otto anni abbiamo elaborato delle procedure specifiche, perché non esistevano linee guida internazionali, e siamo impegnati anche nella prevenzione sul luogo di lavoro». In occasione del convegno, Luciana Savignano sarà protagonista questa sera alle 20.45 al Teatro Filarmonico, di uno spettacolo di danza e immagini sul tema della disabilità. La celebre ballerina, insieme ad un danzatore disabile, interpreterà «Ninfee» della coreografa veronese Susanna Beltrami, con le fotografie di Lidia Costantini, che firma anche la mostra allestita nel foyer sul soccorso ai disabili. D.B.A.



Fonte: L'ARENA

ARCHIVIO NEWS
Invia questa news per e-mail Stampa questa news

Vai a homepage
Il progetto
I protagonisti
Vai a Il Dipartimento della Protezione Civile
Vai a La Cooperativa
Vai a Le attività
Vai a La ricerca
Emergenze e disabilità
Vai a Le procedure
Vai a Il soccorso e le tipologie di disabilità
Vai a Le tecniche di trasporto adeguate
Risorse
Vai a Link utili
Vai a Galleria
Vai a Video
Vai a News
Utilità
Vai a Lavora con noi
Vai a Contatti